Boom di stranieri sulle nostre spiagge. Attesi 84,5 milioni di turisti

Buone notizie per il turismo balneare italiano. Le belle giornate e il caldo hanno spinto un numero record di turisti sulle nostre spiagge, un numero che non si registrava da circa dieci anni.

Secondo un’indagine Cst – Confesercenti, l’incremento sulle spiagge italiane è del 2,3% rispetto al 2016. Per l’estate 2017 si prevedono 84,5 milioni di presenze nelle località di mare del nostro Paese, con una crescita di 1,9 milioni, pari appunto ad un +2,3% sulla passata stagione.

Ad incrementare il numero di presenze in Italia sono soprattutto i turisti stranieri che quest’anno si apprestano a superare quota 29 milioni, un milione in più rispetto allo scorso anno.

Costa d’Amalfi: lo chef del Faro di Capo d’Orso testimonial in uno spot cinese...

Dopo la figuraccia mondiale di due anni fatta per uno spot ritenuto razzista (era quello di una marca di detersivi) la Cina per un...

Come riportano i dati di Confesercenti, il 66% degli imprenditori di località marine ha segnalato un aumento della domanda straniera, in particolare dalla Germania, Austria, Svizzera e Olanda. Si rilevano incrementi anche per i turisti francesi, del Benelux e provenienti dalla Cina. Rimangono invece stabili le prenotazioni giunte da Gran Bretagna e Nord America, mentre si registra un calo di spagnoli, giapponesi e indiani.

Stranieri a parte, gli operatori turistici segnalano una crescita, seppur sostenuta, degli italiani. I nostri compaesani preferiscono spostarsi soprattutto nel week – end facendo registrare una crescita del +1,5%, circa 824 mila in più rispetto lo scorso anno.  Bene soprattutto le località di mare del Sud e delle Isole che registrano un +3,9% di presenze.

“Il boom di stranieri sulle nostre spiagge conferma l’appeal internazionale del nostro sistema turistico balneare che, con 1,6 milioni di posti letto e oltre 47mila imprese attive, rappresenta circa un terzo dell’offerta turistica italiana – spiega Vincenzo Lardinelli, Presidente di Fiba, le imprese balneari Confesercenti” -.

Le località marine italiane, con i loro stabilimenti ed alberghi, sono infatti un unicum nel mondo. Purtroppo, negli ultimi anni, è stato severamente frenato dal crollo della domanda interna, in recupero solo dalla scorsa stagione.

Tra il 2006 ed il 2016 i turisti stranieri sono aumentati del 19,2%. In alcune tradizionali mete balneari, come Rimini, Caorle e Chioggia, l’aumento di turisti stranieri ha superato il 20%, mentre a Capri e a Orbetello si è registrato un vero e proprio boom, con incrementi rispettivamente del 37% e del 68%.