Amalfi: all’Arsenale della Repubblica ritorna il grande teatro con il “Baciamano”

Torna ad Amalfi il grande teatro nell’Antico Arsenale della Repubblica. Dopo il successo riscosso al Ridotto del Mercadante di Napoli, questa sera 17 e domani 18 agosto a partire dalle ore 21, infatti, andrà in scena il “Baciamano”. La regia è di Giovanni Esposito, attore di culto al suo esordio alla conduzione di una piéce, che mette in scena il corrosivo testo di Manlio Santanelli.

“Il baciamano” oltre che ad essere titolo dell’opera, è anche momento portante dello spettacolo. In esso, ci confrontano, si scontrano una donna del popolo ed un nobile giacobino, interpretati da Susy Del Giudice e Giulio Cancelli.

I due, che vivono nella stessa città, la Napoli della rivoluzione repubblicana del 1799, non hanno nulla in comune. Non li accomunano gli ideali, l’una popolana sanfedista e l’altro nobile giacobino rivoluzionario, la storia personale, lo status sociale. Neppure la lingua, visto che l’una parla il napoletano spagnoleggiante dei lazzari e l’altro l’italiano della nobiltà colta e francofona.

Da Amalfi a Napoli: le prelibatezza della pasticceria Pansa a Berebene 2018

Ci sarà anche la storica pasticceria Pansa di Amalfi alla ventottesima edizione della guida Berebene 2018 di Gambero Rosso che si svolgerà venerdì 24...

Il nobile, catturato dal marito di Janara, dovrà esser cotto dalla donna in salsa francese per la mensa dei popolani. Nell’attesa del banchetto, c’è lo scontro tra due mondi opposti, immersi in un contesto di guerra dove la disperazione costruisce armi con la ferocia del “tutto è concesso”.

Eppure quando questi mondi stringono fra loro un intimo contatto, il loro asse di rotazione si sposta. E’ un baciamano, il gesto inaspettato, cortese, sognato, che mette in comunicazione i due mondi ed i due personaggi.

Una convincente prova di teatro dell’assurdo e del grottesco, che tra i paradossi dello scontro tra i protagonisti e la narrazione della Rivoluzione della Repubblica Partenopea s’imbeve anche di un disincantato realismo. Tre elementi che si mantengono in equilibrio tra loro in maniera magistrale.

L’assessora Enza Cobalto, delegata del Sindaco Daniele Milano ad Eventi e Cultura, così spiega la scelta di aprire al teatro il cartellone estivo:«Ci sono luoghi ad Amalfi come l’Arsenale, che sono contenitori perfetti per eventi culturali legati alla prosa. In un posto che racconta una delle più gloriose pagine della storia campana, la Repubblica Marinara, allestiamo il racconto di un altro importante pezzo della nostra storia. Costruiamo cultura e conoscenza, con una piéce che è piacevole e coinvolgente».