Addio al giurista napoletano Francesco Lucarelli. Dal 1975 al 1993 fu consulente Unesco

Si è spento all’età di 81 anni il giurista e studioso napoletano Francesco Lucarelli, già professore ordinario all’Università di Napoli Federico ed esperto in diritto privato. Padre del presidente dell’Ordine dei Giornalisti della Campania, Ottavio, il professore Lucarelli è stato preside della facoltà di economia dell’ateneo, dal 1975 al 1993, consulente Unesco per la difesa del patrimonio storico e artistico mondiale.

Infatti, fu suo il merito di aver inserito il centro storico di Napoli nel patrimonio mondiale dell’Unesco a breve distanza dal riconoscimento che l’organizzazione mondiale riservò alla Costiera Amalfitana.

La notizia della scomparsa di Lucarelli, che fu assessore all’Edilizia privata del Comune di Napoli dal 1980 al 1982 nella giunta dell’allora sindaco Maurizio Valenzi, è stat comunicata dalla famiglia a tumulazione avvenuta.

Amalfi: abbonamenti Sita gratis per gli studenti. Ecco come avere i rimborsi

Amalfi privilegia il diritto allo studio e lo fa sgravando dai bilanci familiari alcuni costi come quelli degli abbonamenti del servizio di trasporto pubblico. L’agevolazione, disposta...

«Con la morte di Francesco Lucarelli, Napoli perde un illustre giurista che ha saputo mettersi anche al servizio della sua città offrendo sempre un contributo importante, come nel periodo in cui è stato assessore con il sindaco Valenzi» scrivono i Verdi, con il consigliere regionale Francesco Emilio Borrelli, i portavoce regionali, Vincenzo Peretti e Benedetta Sciannimanica, e i consiglieri comunali, Stefano Buono e Marco Gaudini, esprimendo «il dolore per la perdita e la vicinanza alla famiglia e, in particolar modo, ai figli, Ottavio, presidente dell’Ordine dei giornalisti, e Alberto, docente di diritto costituzionale nell’Università Federico II».

All’amico Ottavio, presidente dell’Ordine dei Giornalisti della Campania nonché redattore di Repubblica Napoli, giungano i più sentiti attestati di cordoglio per la scomparsa dell’adorato padre, professor Francesco.