Rossellini e Maiori: un amore senza fine nelle installazioni urbane di Rotelli

Sarà inaugurata domani sera alle 20, a Palazzo Mezzacapo di Maiori, la manifestazione Palazzo in Arte, nel cui ambito ci sarà uno spazio dedicato a Roberto Rossellini.

Il grande regista italiano del Neorealismo trovò infatti, proprio nella città costiera di Maiori, le condizioni ideali per girare alcuni suoi capolavori. Già nel 2006, in occasione del centenario della nascita di Rossellini, l’artista Marco Nereo Rotelli realizzò un’installazione urbana dedicata ai quattro film che il regista aveva girato a Maiori e in Costiera.

Le opere dei film in questione erano Paisà (1946), Il miracolo (1948), La macchina ammazza cattivi (1948), Viaggio in Italia (1953). L’installazione artistica fu esposta sul lungomare di Maiori e venne inaugurata da Isabella Rossellini e dalla famiglia Rossellini al completo, ma  dopo qualche anno, a causa dei danni provocati dalla forza del mare e del vento venne rimossa.

Simone Giannelli in Costiera Amalfitana. Il pallavolista della nazionale in vacanza nella Divina

Il palleggiatore della nazionale italiana di volley, Simone Giannelli, ha scelto la Costiera Amalfitana per una vacanza con la sua fidanzata la bellissima Selly Montibeller. I due hanno...

Grazie al contributo di Palazzo Avino di Ravello dove ha sede il ristorante Rossellini’s e grazie all’Associazioni Maiori Film Festival, Rotelli ha restaurato le quattro opere che, da domani sera, tornano ad essere visibili nello scenario di Palazzo Mezzacapo.

Marco Nereo Rotelli ha  realizzato per Maiori le 4 opere dedicate ai film che Roberto Rossellini in linea con la sua ricerca basata sulla luce e la poesia. L’artista, in occasione del restauro delle sue opere, ha lavorato riprendendo i pensieri della Pivano sull’ immagine e con poche pennellate ha come trattenuto il moto del mare che aveva creato dei danni, creando un unico piano visivo. Cosi facendo ci propone una riflessione simultanea fra pensiero presente e memoria.

Queste quattro grandi immagini sembrano fermare il tempo di un momento magico: ci ricordano l’amore di Rossellini  per questo luogo e la sua gente, per le sue montagne, il suo mare. La scrittura grafica di Rotelli attraversa lo spazio dell’immagine e rende l’istante carico di tempo, un universo di calore e colore.